0 0
Read Time:6 Minute, 43 Second

Dopo aver dimostrato la sua capacità di vincere lasciandosi alle spalle diversi problemi fisici, lo spagnolo punta al titolo nel 2022

Il 6 ottobre 2019, al Chang International Circuit di Buriram, Marc Marquez (Repsol Honda Team) ha sollevato il suo ottavo titolo mondiale, il sesto in MotoGP™, dopo un bellissimo testa a testa con Fabio Quartararo (Monster Energy Yamaha MotoGP™) al GP della Thailandia. In quell’anno, El Diablo aveva impostato una bella lotta pur essendo ancora un rookie, ma il livello superlativo di Marquez si è riflesso alla fine della stagione quando accumulò un bottino di 420 punti. Molto al di sopra dei suoi rivali. Un collezionista di record. Nulla poteva far presagire quello che mesi più tardi, dopo aver schivato la pandemia, il pluricampione ha vissuto. Un infortunio rimediato a Jerez fratturandosi l’omero destro.

Marquez inizia a prendere le misure con la nuova RC213V

Due stagioni molto complesse

Dopo essere stato messo in disparte per tutta la atipica stagione 2020, segnata dal Covid-19, Marquez ha fatto la sua riapparizione trionfale a Portimao nel 2021. Un ritorno molto ragionato che accompagnato da grandi gioie come il suo trionfo al Sachsenring. La pausa estiva è stata un grande momento perché lo spagnolo potesse continuare il suo recupero fisico e, dal GP di Aragona in poi, è tornato a un livello straordinario. Un podio al MotorLand, due vittorie ad Austin e al GP dell’Emilia-Romagna sono stati sufficienti per aumentare al massimo il suo ritmo. Ma proprio quando sembrava che il miglior Marquez fosse tornato, la Dea Fortuna lo ha colpito di nuovo sotto forma di un nuovo episodio di diplopia – visione doppia – come quello di cui ha sofferto nel 2011.

MotoGP™ Stories: 265 giorni per tornare Marc Marquez

Speranze rinnovate

Capace di superare tutte le pietre che ha trovato sul suo cammino, Marc ha si è lasciato dietro i problemi alla vista per tornare in azione nel pre-stagione. Dopo aver perso il test di Jerez, che ha fatto calare il sipario sulla stagione 2021, il pilota di Cervera ha guidato la nuova RC213V ai test di Sepang e di Mandalika. Durante questi giorni di Test Ufficiali ha visto in prima persona il potenziale di una moto radicalmente nuova. Anche se non si adatta naturalmente al suo stile, in quanto si affida più al posteriore, essendo un pilota che mette più potenza sull’anteriore, Marc è stato in grado di prendere confidenza con la moto a Mandalika ed è fiducioso di tirare fuori tutte le virtù della sua moto fin dall’inizio del Campionato del Mondo al Lusail International Circuit.

Marquez: “Quartararo e Bagnaia saranno molto veloci”

La forza di Honda

Lo slancio di Marc con la nuova moto dovrebbe essere abbinato a un passo avanti dal resto dei piloti Honda. Senza andare oltre, il compagno di squadra dell’otto volte campione, Pol Espargaro, ha fatto calare il sipario sulla pre-stagione come il pilota più veloce sul nuovissimo circuito Pertamina Mandalika. Il #44, alle porte di un anno chiave per il suo futuro, ha trovato soluzioni con il maggiore grip posteriore della nuova moto e Marc stesso non ha esitato a includere il pilota di Granollers nella lista dei piloti che aspirano al titolo. Allo stesso tempo, il duo LCR Honda di Takaaki Nakagami (LCR Honda Idemitsu) e il fratello di Marc Alex Marquez (LCR Honda Castrol) hanno anche tratto conclusioni positive dalla nuova RC213V. Tutti insieme, sotto l’inevitabile guida di Marc, dovranno unire le forze per recuperare terreno su fabbriche come la Ducati, che hanno segnato il passo negli ultimi mesi.

Come si sente Marquez sulla nuovissima RC213V?

Il “sacrificio”

Il nuovo anno 2022 aprirà nuovi orizzonti per Marc. Per cominciare, ha scelto di lasciare il suo particolare “nido” di Cervera – e ciò che implica in termini di zona di comfort – per prendere la residenza a Madrid dopo aver contattato il dottor Angel Cotorro, medico del vincitore del tennis Rafa Nadal. Il suo impegno è importante, come ha assicurato ai media alla prima di MotoGP™ Unlimited tenutasi a Madrid: “Ho fatto un grande sacrificio, cioè trasferirmi a Madrid per tutto il 2022 per questo, per metterci tutto il mio cuore. Mi fido di loro. Manterranno la mia spalla fresca per tutta la stagione e andrò fino in fondo. Amo molto, la mia Cervera e ho vissuto lì tutta la mia vita, ma ci trasferiamo per continuare con questo gruppo di medici, per tornare a combattere di nuovo per un Campionato del Mondo, per conquistare per il nono”.

Territorio inesplorato

Le prossime destinazioni che potrebbero segnare il 2022 di Marquez sono le nuove sedi dove si terrà il Campionato del Mondo. Oltre al già noto Mandalika, che ospiterà il secondo round del calendario, il campionato del mondo farà anche il suo atteso debutto sulla pista finlandese del KymiRing. Sarà senza dubbio un nuovo stimolo per un pilota che ha fatto altri luoghi illustri del campionato del mondo come il Sachsenring e il circuito delle Americhe, dove ha già regnato la scorsa stagione per estendere la sua impressionante lista di vittorie in entrambe le tracce, nel suo giardino privato. Consolidare la sua eredità lì e lasciare il segno in Indonesia e Finlandia permetterebbe a Marc di gettare le basi per una stagione di successo in cui molti occhi -fans ed esperti- saranno su di lui.

MotoGP™ Stories: 581 giorni dopo

Favorito per la riconquista

È stato sul gradino più alto del podio per molti anni e la pressione, tranne che in rare occasioni, sembra non aver fatto una tacca nel talento di Cervera. Dopo essersi lasciato alle spalle i suoi problemi fisici, è impossibile per Marc liberarsi dell’etichetta di favorito. Questo è ciò che i suoi rivali stanno assumendo. Il campo dei contendenti per il trono del campionato del mondo sta crescendo, con due nuovi campioni del mondo come Quartararo e Joan Mir (Team Suzuki Ecstar), così come l’ammirevole ascesa delle Ducati, con Pecco Bagnaia (Ducati Lenovo Team) in testa. Tuttavia, Marc è Marc e i suoi rivali non sono disposti ad abbassare la guardia. Il “rinato” Marquez ha un obiettivo in mente e i 21 Gran Premi che si disputeranno nel 2022 sono un’occasione d’oro per rompere la dinamica attuale e, a 29 anni, gettarsi a capofitto nella sfida de “La Novena”. Una conquista con la quale avrebbe eguagliato il record dello stesso Valentino Rossi. Per il momento, la riconquista passa attraverso il Qatar e inizierà a lasciare il segno sotto i riflettori di Lusail?

Puoi seguire ogni secondo LIVE e OnDemand col VideoPass. In questo modo avrai accesso a interviste e report, così come a ogni istante LIVE e OnDemand del Campionato del Mondo MotoGP™. Tutto questo è disponibile su Roku TVApple TVAndroid TV o Amazon Fire TV. Puoi goderti oltre 45.000 video dal 1992 ad oggi, insieme ad un ampio catalogo MotoGP™ che include gare complete, interviste, highlight, reportage e documentari. Inoltre, potrai guardare diversi segnali delle telecamere e delle OnBoard scegliendo la tua esperienza visiva ideale per goderti la gara da più angolazioni. Inoltre, avrai a disposizione il TimingPass, uno strumento perfetto per seguire tutta l’azione in pista. Tutto questo e molto altro, col MotoGP™ VideoPass.

Segui questo tema

Fonte: https://www.motogp.com/

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Di Moto Club Biassono

Moto Club Biassono

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.