0 0
Read Time:3 Minute, 42 Second

Il Campione del Mondo in carica, infortunatosi durante il foto shooting di inizio anno, può essere rimpiazzato dal 9 volte iridato italiano per la gara della Gran Bretagna a Matterley Basin. Ecco il post Instagram che sta infiammando il cuore dei tifosi

Matteo Solinghi @TeoSic58

Era pronto a prendere definitivamente per mano lo squadrone Ktm e portarlo all’ennesimo successo stagionale, e invece Jeffrey Herlings, 27 anni, sarà costretto a guardare dal divano di casa il primo Gran Premio della stagione MXGP 2022. Già, perché anche in un momento di relativo relax, lontano da paddock, gare, setting, pressione, ‘The Bullet’ ha commesso un errore banale che rischia di costargli caro. In occasione del foto shooting di inizio stagione, infatti, il Campione del Mondo in carica ha calcolato male la velocità di percorrenza su un salto da affrontare in coppia con il compagno di squadra MX2 Tom Vialle e dopo la whippata è atterrato corto, facendosi male al tallone del piede sinistro . E con il Mondiale alle porte (si parte il 20 da Matterley Basin ), complice anche il passaggio del team De Carli in Gas Gas Ktm non ha un pilota ufficiale da schierare in MXGP.

necessità

—  

Sportivamente parlando, ma anche da un punto di vista dell’immagine del brand, non avere un pilota ufficiale nella classe regina alla prima gara dell’anno non è certo ciò in cui speravano i vertici della Casa austriaca. Tanto più se si tratta di un anno cruciale, con una moto tutta nuova che anticipa i model year 2023 e che ha bisogno – qualora ce ne fosse – di attirare su di sé quelle poche attenzioni che una fetta di utenza non le ha ancora concesso. Non solo: se Jeffrey Herlings, nell’inverno, sembrava aver trovato il giusto mix per avere tra le mani l’arma con la quale andare alla conquista del titolo numero 6, oltreoceano le cose non stanno andando per il meglio. Guardando all’AMA Supercross 450, il miglior pilota ufficiale Ktm è un anonimo Justin Cooper, che dopo il titolo del 2021 si è visto solo a sprazzi con un 2° posto ad Anaheim 1 come miglior risultato. Marvin Musquin e Aaron Plessinger non se la passano meglio. E lo stesso Tom Vialle, agli Internazionali di Francia a Lacapelle Marival, non ha certo brillato col 6° posto in MX2, con tempi più alti di Kay De Wolf (Husqvarna), Roan Van de Moosdijk (Husqvarna) e Jago Geerts (Yamaha). Ecco, allora, che avere una moto dietro al primo cancelletto di partenza della MXGP 2022 acquisisce importanza.

Cairoli a Matterley Basin?

—  

Fatte queste premesse e con Jeffrey Herlings lontano dalla miglior condizione, sin dalle prime ore dell’infortunio dell’olandese si sono fatti nomi per sostituire il Campione del Mondo in carica. Il più altisonante? Tony Cairoli, che nel 2021, in occasione del suo ritiro, aveva confermato la voglia di fare qualche gara, senza distinzione tra Mondiale e AMA Pro Motocross. D’altronde, è rimasto uomo Ktm anche per questo. C’è un indizio social, però, che nelle ultime ore ha acceso quel barlume di speranza di vederlo in pista a Matterley Basin. Un post Instagram che, zoomando un po’, lancia una provocazione: Tony Cairoli volerà in Inghilterra?

Perché sì e perché no

—  

Tante le analisi che si possono fare: Tony, di fatto, ha smesso di correre a tempo pieno solo pochi mesi fa. Ma è altresì vero che non ha fatto la consueta preparazione invernale per affrontare la stagione, solo qualche uscita in moto “per divertimento”. Il rischio di aver perso quei (pochi) decimi al giro, complice anche l’età che inesorabilmente avanza, c’è. E Tony Cairoli si è ritirato proprio perché, sue testuali parole, non voleva arrivare decimo. Ma è anche vero che Ktm non ha, sotto vari punti di vista come quelli carismatici, di immagine e di competitività, un mix altrettanto esplosivo da giocarsi. A rafforzare la candidatura di Tony, poi, i suoi risultati a Matterley Basin, con le vittorie nel 2011, 2012, 2014, 2015, 2019, 2020 e 2021. E con Jeffrey Herlings e Romain Febvre (Kawasaki) entrambi out per infortunio, Jorge Prado (Gas Gas) da valutare così come Jeremy Seewer (Yamaha) e con il solo Tim Gajser (Honda) ad avere delle certezze (vittoria degli Internazionali d’Italia Motocross 2022), chissà che l’acquolina in bocca non sia venuta per davvero a Tony…

Fonte: https://www.gazzetta.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Di Moto Club Biassono

Moto Club Biassono

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.