0 0
Read Time:2 Minute, 49 Second

Jakub Gurecky, pilota ceco, si stava allenando in Slovacchia in vista della Red Bull Rookies Cup: fatali le lesioni alla testa dopo una caduta. “Siamo vicini alla famiglia”, il messaggio della MotoGP

In patria, era considerato il miglior talento nel mondo del motociclismo. Ma Jakub Gurecky, lunedì 7 febbraio, ha incontrato il destino più tragico. Mentre si allenava in una pista indoor di Martin, in Slovacchia, a bordo della sua Ohvale, si è scontrato contro un ostacolo: un urto tanto forte da farlo morire sul colpo. E un’altra giovane vita volata via troppo presto: lo scorso 8 ottobre, Gurecky aveva compiuto 16 anni. Troppo pochi, inseguendo un sogno a due ruote in pista, dopo aver stupito tutti con il successo nel campionato 2021 della Northern Talent Cup, al termine di un’impressionante stagione.

il messaggio della motogp

—  

Quest’anno, il 16enne di Zlín — città di 75 mila abitanti della Moravia meridionale — avrebbe partecipato alla Red Bull Rookies Cup a bordo di una Ktm Moto3 da 250cc. Ma il destino non ha voluto così, e la MotoGP ha mandato un comunicato alla famiglia: “Purtroppo — scrive il sito ufficiale della MotoGP — il 7 febbraio ci ha lasciati in seguito a un incidente avvenuto in allenamento. I nostri pensieri vanno alla famiglia, agli amici, alla squadra e a tutte le persone care a Gurecky in questo momento così difficile”. Prima di arrivare a correre nei circuiti d’Europa, dal 2015 Gurecky era cresciuto nella sua Repubblica Ceca, allenandosi sul circuito di Brno: crescendo prima nell’accademia di minibike locale, poi direttamente in pista con le moto più grandi. Il suo talento in pista non era passato inosservato, tanto che proprio il Brno Circuit Junior Racing Team — che si occupa della formazioni di giovani piloti e che lo ha ricordato su Facebook — lo aveva preso con sé, affidandogli la Ktm numero 59 per correre la Northern Talent Cup, dove l’anno scorso aveva conquistato quattro successi e cinque podi (con due secondi e tre terzi posti), arrivando così a vincere il titolo.

gli inizi in moto

—  

Gurecky sarebbe stato il settimo ceco a correre la Red Bull Rookies Cup, competizione nella quale era molto atteso per i precedenti successi. In patria è stato campione nazionale nelle gare di minibike, conquistando due trionfi nel campionato tedesco Adac e divenendo vicecampione europeo nella categoria Honda NSF 100. L’amore per le moto era nato molto prima, nel 2009, quando Jakob a 4 anni si era avvicinato alle moto grazie a suo padre: “Quando ero piccolo, aveva una moto in garage e anche io volevo guidarla”, ha raccontato a MotorMix.cz, sito che ha dato in anticipo la notizia della sua morte.

striscia tragica

—  

Il dolore per la sua scomparsa ha colpito anche i suoi colleghi di pista cechi, come il campione Junior Moto3 nel Cev, Filip Rehacek: “Riposa in pace, amico mio — lo ha ricordato su Instagram — Non voglio crederci, non ho parole. Sincere condoglianze alla famiglia e ai propri cari. Forse sei in un posto migliore. Non ti dimenticheremo”. Nel 2021, le due ruote hanno pianto la scomparsa di Jason Dupasquier, pilota di Moto3 morto al Mugello, poi Hugo Millan nel Cev, Dean Berta Vinales in Supersport 300 e Jason Aguilar, campione 2017 in Superstock 600 nel campionato di MotoAmerica.

Fonte: https://www.gazzetta.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Di Moto Club Biassono

Moto Club Biassono

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.