0 0
Read Time:2 Minute, 19 Second

Il team principal della WithU Yamaha fa il punto al via dei test della MotoGP 2022: “Non mettiamo pressione a Binder jr, sarebbe un errore. Abbiamo pacchetto tecnico top ed entusiasmo. E su Dovi dico che…”

Sorridente, impegnato, a margine della prima giornata di test MotoGP a Sepang, Razlan Razali — il team principal della WithU Yamaha — si è confrontato con i giornalisti in una conferenza stampa organizzata dal team satellite che una volta aveva sponsor Petronas e ora si avvale della partnership con l’italiana WithU, azienda di forniture energetiche. Razali ha parlato di progetti, aspettative, dei propri piloti e di un Mondiale 2022 che lui è certo sarà sorprendente per il team di Dovizioso e Binder jr.

primi suoni motogp

—  

“È bello tornare nel paddock e sentire il rumore delle moto”, ha sottolineato un sorridente Razali. “Abbiamo un bel mix con esperienza, pacchetto tecnico di qualità, entusiasmo. Possiamo stupire, tutto è possibile in MotoGP e noi abbiamo i mezzi per stare in alto”. La prima giornata ha visto in pista il sudafricano 24enne, fratello del Brad pilota ufficiale Ktm, che sta facendo esperienza con la nuova MotoGP dopo il passaggio dalla Moto3 alla top class a fine 2021. La strada è lunga ma in WithU l’energia non manca.

razali e binder

—  

Darryn Binder ha avuto un primo giorno positivo”, ha confermato il team principal. “Sta prendendo sempre più confidenza con la moto, è oggettivamente difficile passare dalla Moto3 alla MotoGP, è una sfida enorme per ogni pilota. Siamo molto felici di averlo nel team e non gli metteremo alcuna pressione addosso, sarebbe uno sbaglio”, ha chiuso Razali, che nella sua gestione del team ex Petronas ha lanciato assi notevoli nel Motomondiale, sopra a tutti il campione uscente 2021 Fabio Quartararo.

razali e dovizioso

—  

Anche per questo ha stupito l’ingaggio di Andrea Dovizioso, arrivato in un team che prima di Valentino Rossi aveva sempre puntato sui giovani di talento da far crescere in MotoGP. “Per Andrea lo scorso anno è stato utile per togliersi di dosso un po’ di ruggine dopo i mesi di inattività. Lui ha grande esperienza e si è preparato benissimo in inverno. Dal punto di vista tecnico avrà il trattamento di un pilota ufficiale, mi aspetto da lui che possa stare stabilmente in top 6”. E infine Razali ha chiarito: “Perché lui e non un giovane? Ne abbiamo parlato lo scorso anno con Yamaha, abbiamo dovuto fare delle scelte condizionati da Viñales — addio anticipato alla Yamaha ufficiale — e dal successivo passaggio di Morbidelli nel factory team. Ci serviva un pilota che fosse pronto a fare gli ultimi GP dell’anno e Dovizioso era il migliore in circolazione. Ci garantirà subito competitività”.

Fonte: https://www.gazzetta.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Di Moto Club Biassono

Moto Club Biassono

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.