0 0
Read Time:3 Minute, 58 Second

La casa austriaca lancia la sua stagione 2022 svelando ufficialmente tutte e quattro le RC16 full-factory che competeranno in classe regina

Tutte le strade portano al Losail International Circuit, dove il 6 marzo il Gran Premio del Qatar inaugurerà il Campionato del Mondo MotoGP™. Il 2022 sarà la sesta stagione in cui KTM sarà presente sulla griglia di partenza della MotoGP™. Losail, in particolare, è stato il teatro della loro prima apparizione a tempo pieno in MotoGP™ nel 2016.

Binder (26 anni, 17 vittorie in carriera, due in MotoGP) si prepara per la sua terza stagione di MotoGP™, tutte trascorse col Red Bull KTM Factory Racing. Oliveira (27 anni, 15 vittorie in carriera e tre nella classe regina) è arrivato in MotoGP™ un anno prima, ma è attualmente il pilota che ha ottenuto il maggior numero di risultati nel quartetto della casa austriaca ed è salito sul podio cinque volte in tre stagioni, in tutte le occasioni con la KTM RC16.

Il Red Bull KTM Factory Racing dà il benvenuto a Francesco Guidotti nel ruolo di Team Manager, il toscano supervisionerà la seconda stagione gli ex compagni di squadra in Moto3™ e Moto2™: Binder e Oliveira. Guidotti porterà la sua esperienza per raggiungere risultati importantii col team di collaudatori KTM – guidato da Dani Pedrosa e Mika Kallio – guidando lo sviluppo della KTM RC16 anche quando non si affrontano i Gran Premi.

Brad Binder

“Ho imparato così tanto nelle ultime due stagioni che è difficile scegliere solo un paio di cose in particolare. Penso che ogni anno è venuto con i propri set di sfide: ho dovuto imparare a gestire le mie aspettative. L’anno scorso ho dovuto accettare dove eravamo in alcuni punti e cercare di portare a casa la moto, il che è stato difficile, ma ho imparato molto sulla categoria, su come gestire meglio le gomme, le gare e mi sono divertito. Sto per iniziare la mia terza stagione sapendo cosa devo fare per andare più veloce e non vedo l’ora di inaugurare questo nuovo anno. Sono più pronto che mai”.

Miguel Oliveira

“L’anno scorso abbiamo fatto un enorme passo avanti in quattro gare ho ottenuto tre podi e una vittoria, quindi è stato bello. Poi con l’infortunio nella seconda metà della stagione le gare sono diventate davvero difficili: è stata sicuramente una stagione di apprendimento per me. Mi mancava la costanza e ovviamente è un aspetto che vorrei migliorare quest’anno. Non è mai facile andare al limite e pensare di finire la gara. Direi che se sono in grado di segnare punti in ogni GP allora alla fine del Campionato il risultato potrebbe essere molto diverso, quindi stiamo solo cercando di ottenere il massimo potenziale da me, della moto, da tutta la squadra per tradurre l’insieme di questo pacchetto in risultati”.

Francesco Guidotti, Red Bull KTM Factory Racing Team Manager

“È sempre importante fare meglio dell’anno precedente. Per fare meglio abbiamo bisogno di risultati più consistenti, più consistenza, piazzamenti nei primi cinque e sul podio. Dobbiamo sviluppare la moto per rendere felici i piloti, per dare loro la giusta sensazione e fiducia per raggiungere questi risultati. Naturalmente, la loro posizione è importante perché hanno bisogno di mostrare il potenziale della moto e del progetto. Hanno 2-3 anni di esperienza in questa categoria ora, quindi forse è il momento giusto per utilizzare le loro conoscenze. Hanno già vinto alcune gare quindi la capacità e il potenziale c’è, dobbiamo vederlo più regolarmente. Negli ultimi cinque anni i risultati sono stati incredibili; partire da zero come ha fatto KTM e quello che hanno raggiunto è incredibile e vogliamo continuare così”.

Pit Beirer, direttore Motorsport di KTM

“Il 2021 è stata la stagione motoristica di maggior successo di sempre nel nostro gruppo. È incredibile quello che abbiamo fatto in un anno nel paddock delle corse su strada: vincere il campionato mondiale Moto3 e il campionato mondiale Moto2 e finire 6° in MotoGP. È super-motivante per il futuro. Quando inizi un progetto come questo in MotoGP vuoi vincere una gara un giorno e dire che sembra abbastanza semplice, ma farlo davvero è uno sforzo incredibile e vede così tante persone coinvolte. L’abbiamo fatto. È sulla carta, ma abbiamo anche dovuto imparare nel modo più duro: vinci un fine settimana in quella classe, ma il fine settimana successivo stai lottando per qualificarti in Q2. L’obiettivo per noi ora è quello di essere lì costantemente ogni fine settimana, entrare nei primi cinque e lottare per il podio nella classifica di fine stagione. Questo deve essere l’obiettivo per questa stagione. So che è molto alto perché anche gli altri costruttori hanno obiettivi ambiziosi, ma noi siamo forti ora: abbiamo la squadra, la base, la moto e abbiamo i piloti”.

Fonte: https://www.motogp.com/

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Di Moto Club Biassono

Moto Club Biassono

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.