0 0
Read Time:6 Minute, 7 Second

Il rookie Darryn Binder mette da parte le critiche sul suo salto dalla Moto3™ alla MotoGP™ e si concentra sul lavoro da fare in pista

Nel 2022, Darryn Binder (WithU Yamaha RNF MotoGP Team) farà qualcosa che solo Jack Miller (Ducati Lenovo Team) ha fatto negli ultimi anni: passare dalla classe leggera alla MotoGP™ saltando la categoria intermedia.

Binder è impaziente di iniziare l’avventura in MotoGP™

Un salto molto ambizioso

Si è parlato molto del passaggio di Binder alla nuova struttura del team indipendente Yamaha. Alcuni sono stati critici e altri hanno accolto con favore l’opportunità di vedere cosa può fare Binder nella classe regina. Non c’è dubbio che è un rischio per WithU Yamaha RNF, Yamaha e Binder stesso, ma a volte prendere dei rischi paga. E se sei Binder, la possibilità di mostrare ciò di cui sei capace nella classe regina è un’opportunità incredibile.

Nei suoi anni in Moto3™, Binder ha dimostrato – in più di un’occasione – di essere uno dei piloti più veloci in circolazione pur avendo conquistato una sola vittoria nella classe leggera. Ma come sappiamo, vincere una gara in Moto3™ è più complicato che mai. A questo successo, il sudafricano ha ottenuto anche cinque podi.

Un salto identico: Miller dà il benvenuto a Darryn Binder

Una reputazione speciale

Spesso abbiamo visto il #40 azzardare sorpassi e manovre al limite mentre si trovava nel gruppo di testa, azioni che il più delle volte hanno frantumato risultati consistenti per lo stesso Binder. Essere un pilota più alto e pesante rispetto alla media dei suoi colleghi della classe leggera fa presagire che una categoria superiore possa essere ciò che serve al giovane sudafricano per esprimere al meglio il suo talento.

Sfortunatamente per il 24enne, una serie di incidenti con altri piloti in pista gli hanno fatto guadagnare una certa reputazione di imprudenza. La maggior parte dei piloti ha mandato fuori pista un altro pilota durante la sua carriera, ma è una circostanza che capita di vedere trovandosi in corse così ravvicinate e con margini tanto serrati. Ma nel caso di Binder è successo forse un po’ troppo spesso.

L’incidente con Foggia

Il suo 2021 con Petronas Sprinta Racing è stato deludente nel senso che la sua lotta per il titolo dopo il suo doppio podio in Qatar non si è mai materializzato. Su Binder pesa un errore all’ultimo giro del Gran Premio dell’Algarve, la penultima gara della stagione, che lo ha visto portare fuori il contendente al titolo Dennis Foggia (Leopard Racing).

È stato un grosso errore, e Binder lo sapeva. Foggia ha perso il titolo a favore di Pedro Acosta (Red Bull KTM Ajo) e il tentativo del sudafricano di scusarsi è stato respinto dal romano al box Leopard. Oltre a causare lo sfortunato incidente di Foggia, l’incidente a Portimao è servito anche a far risalire la gente a bordo del carro da cui Binder era saltato con successo con una stagione più matura nel 2021.

Foggia: “Ho perso il titolo per colpa di un altro pilota”

La realizzazione di un sogno

Parlando ai media dopo la presentazione del WithU Yamaha RNF MotoGP Team, a Binder è stato chiesto di alcune delle reazioni negative che ha ricevuto al suo salto nella classe regina, compreso se ha sentito il bisogno di avere uno psicologo al suo fianco: “Per me è stato un sogno che si è avverato. Tutti vogliono correre in MotoGP™ un giorno, quindi se hai un’opportunità come questa, non puoi rifiutarla. È la più grande opportunità che abbia mai avuto nella mia vita, quindi l’ho afferrata con entrambe le mani”.

“Ovviamente ci sono stati sentimenti contrastanti e un sacco di commenti diversi, ma sarebbe stupido non accettare il sogno della mia vita, ho lavorato per questo tutta la mia vita e se qualcuno ti dà questa opportunità devi sfruttarla al massimo. Sono super felice di passare alla MotoGP™. Ovviamente, come hai detto tu, la gente ha detto il contrario e comunque, non mi interessa molto”, ha continuato.

Ansioso di riprendersi la rivincita

“Sto affrontando questa stagione come qualsiasi altra. Ovviamente, ho cambiato un paio di cose in termini di allenamento, ho dovuto fare un passo avanti in un paio di aree, ma ho avuto una pausa normale. Sono tornato a casa in Sudafrica e ho fatto un po’ più di allenamento in palestra, ma lo sto affrontando come qualsiasi altra cosa. Alla fine della giornata è ancora una moto, ha due ruote e devo guidarla”, ha aggiunto il rookie.

Tuttavia, Darryn non lascia che i commenti di chi dubita del suo passaggio influenzi la sua mentalità in vista dei due test di Sepang e Mandalika: “Alla fine della giornata, devo andare là fuori e fare il mio lavoro. Il mio lavoro è andare là fuori, correre e fare del mio meglio. Ovviamente, voglio lasciarmi alle spalle tutte le cose brutte e andare avanti con una tabula rasa. Ma questo è difficile.

WithU Yamaha RNF MotoGP Team: La presentazione del 2022

Concentrato sul suo lavoro

“Ho provato a farlo l’anno scorso e purtroppo alla fine dell’anno ho fatto un errore e tutti gli altri sono saltati di nuovo sullo stesso carro. Farò solo del mio meglio e cercherò di stare lontano dai guai. Spero di poter fare buone gare e buone battaglie con tutti i ragazzi, e che a loro piaccia o no, non cambia nulla per me. Alla fine della giornata, tutti riescono ad uscire in pista. Quindi sì, ovviamente parlo con chiunque voglia parlare con me. Non sono una persona schizzinosa, sono più che benvenuto a fare una conversazione” continua.

“Come ho detto, nei media e così via, penso che le cose siano state gonfiate a dismisura. Si leggono le cose e penso che siano formulate in modo un po’ diverso da quello che la gente ha detto all’inizio, perché c’erano molte persone con cui avevo parlato e non era percepito nel modo in cui era percepito dai media. So che ognuno ha opinioni diverse, ma non mi preoccupa molto. Sì, ho solo intenzione di andare là fuori e fare il mio lavoro”, ha concluso il sudafricano.

Ognuno avrà le sue opinioni sul fatto che Binder abbia avuto una possibilità in MotoGP™ senza aver avuto alcuna esperienza in Moto2™. Fortunatamente, il rookie non si lascia influenzare dai commenti negativi che circolano in giro e cercherà di rispondere in pista. Nessuno può dubitare che Binder ha un sacco di talento e potenziale, e sarà emozionante vedere lui e i suoi compagni esordienti dare il massimo durante la prossima stagione contro l’elite della MotoGP™.

Segui tutte le sessioni, guarda le interviste esclusive, le gare storiche e tanti altri fantastici contenuti: tutto col VideoPass!

Segui questo tema

Fonte: https://www.motogp.com/

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Di Moto Club Biassono

Moto Club Biassono

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.