0 0
Read Time:3 Minute, 12 Second

Prima conferenza stampa per lo spagnolo della Honda Hrc: “Neanche i dottori sapevano quanto avrei impiegato per guarire. E ancora adesso procediamo per gradi. Operazione chirurgica? Spero di no…”

Sorrisi e incertezze nella prima conferenza stampa ufficiale dei piloti Honda Hrc. Protagonista, dopo l’annuncio della sua presenza solo a poche ore dall’incontro, Marc Marquez. In un primo momento lo spagnolo era stato dichiarato assente dalla Honda, “impegnato nel percorso di recupero dall’infortunio”, poi la stessa Hrc aveva fatto marcia indietro nella tarda serata della vigilia. E Marquez c’era, sorridente e più sollevato di qualche settimana fa, nonostante con la stessa onestà degli ultimi mesi abbia ammesso: “Procedo per gradi, problemi alla vista non li auguro a nessuno, è davvero inquietante”.

senza moto

—  

Per Marquez sono stati messi difficili, “non sapevo cosa sarebbe successo. La svolta un mese fa, circa, quando ho cominciato a sentirmi meglio. È un processo lento, ma lo sapevamo dall’inizio, da quando mi sono infortunato”. E ha ripensato alle lunghe ore a casa: “Mentalmente è stato uno dei momenti più duri della mia vita, prima il braccio, poi la spalla, poi l’occhio. Però adesso sento che sono sulla strada giusta, anche se la vista per uno che va in pista è un aspetto fondamentale. Ora mi sento bene ma devo procedere per gradi”. Ci sono stati momenti di sconforto, perché Marquez ha persino tirato in ballo lo spettro del ritiro, spiegando: “Quando mi sono infortunato è stato disorientante, tante cose da valutare e molto complesse. Nessuno poteva sapere come sarebbero andate le cose. Neanche i dottori, in quei giorni. Sul tavolo c’erano tante possibilità, e sì, anche quella di non poter salire mai più in moto. Poi da una settimana le cose vanno meglio, quindi c’è ottimismo, ma aspettiamo i test perché vorrei fare una stagione essendo in condizione fisica buona”. Il domani è una pagina bianca, per l’otto volte campione del mondo, e Marquez resta vago anche sul rischio di una operazione agli occhi: “Se sono risalito su una moto è perché vedo bene, ma in futuro non so cosa potrà cambiare. Bisogna vedere anche come reagirà il mio fisico su un circuito di MotoGP, in sella a una MotoGP. Per questo molto dipenderà dai test. Per ora la cura sta funzionando, quindi continuiamo con una strategia conservativa, ma vedremo”.

prossimi appuntamenti

—  

Marquez si era fatto male su una moto da cross e ha scelto una moto da cross per tornare in sella per la prima volta, come a sfatare e sfidare la malasorte: “Mi alleno con moto da cross perché è una moto impegnativa, e ho ripreso con una moto da cross perché è stata l’ultima sulla quale mi sono fatto male. Adesso punto a un test con una Honda Cbr 1000 RR-R o una RC213V-S, spero prima possibile ma non c’è ancora una data. Se era pericoloso allenarmi in motocross? Anche nel 2021 mi ero fatto male su una moto da cross su un piccolo circuito vicino casa. In condizioni normali. L’ultima volta sono caduto, mi sono rialzato, sono tornato a casa e dopo la doccia ho iniziato a sentirmi strano, a non vedere bene, così ho chiamato i dottori ed è iniziato tutto. Quei primi giorni sono stati i peggiori, la prima settimana davvero brutta, ho cercato di staccarmi da tutto, dai social, dai giornali, cercando di circondarmi dei miei familiari e amici. Mi alzavo dal divano e vedevo sfocato, avere problemi di vista ti disorienta, è una cosa che non auguro a nessuno. Così ho cercato di concentrarmi sulle cose da fare, passo per passo, ora mi sento meglio”. Mancano meno di due mesi al via del Mondiale MotoGP 2022. Passo per passo, vedremo quanto lontano andrà Marc Marquez.

Fonte: https://www.gazzetta.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Di Moto Club Biassono

Moto Club Biassono

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *