0 0
Read Time:1 Minute, 51 Second

Il pilota Honda ripercorre un passaggio cruciale della sua carriera, quando fu vicino all’accordo con Suzuki. “Dissi no perché Yamaha mi chiese di aspettare, si stava liberando il posto di Valentino nel team ufficiale…”

Il libro di Valentino Rossi nel Motomondiale è ormai arrivato alle ultime battute con il GP Valencia. Un romanzo prossimo alle 432 pagine, tante sono i GP disputati in carriera dal fenomeno italiano, nove volte campione del mondo. L’ultima tappa sarà Valencia, dove gli appassionati lo attenderanno per omaggiarlo. Questo addio commovente e triste si sarebbe potuto consumare molto prima, addirittura tra il 2014 e il 2015. Lo ha rivelato indirettamente Pol Espargaro al podcast ufficiale MotoGP Last on the Brakes.

RIVELAZIONE rossi

—  

L’attuale pilota Honda ha fatto il suo esordio nella classe regina nel 2014 da campione Moto2 in carica con il team Tech3. I risultati furono ottimi per un rookie, con inevitabile interesse da parte di altre squadre: “Dopo il mio primo anno con Yamaha in MotoGP sono arrivato sesto, molto vicino al quinto posto di Dovizioso con la Ducati. La Suzuki stava per tornare in top class e ho ricevuto un’offerta da loro”. Una proposta declinata per un motivo semplice: “In quel momento Yamaha mi aveva fatto alcune promesse, parlavo con loro immaginando il ritiro di Valentino Rossi. Dopo il mio primo anno in MotoGP, mi hanno detto di aspettare, perché avrei avuto l’opportunità di andare nella squadra ufficiale”. Segno che anche il team pensava che Rossi avrebbe smesso.

ERRORE

—  

Peraltro quella decisione si è rivelata errata per la carriera di Espargaro, come ha ammesso proprio lo spagnolo: “Il secondo anno con la Yamaha non è andato molto bene, avevo la sindrome compartimentale e mi sono dovuto operare a metà stagione. Nel frattempo la Suzuki stava facendo dei risultati incredibili, stavano iniziando ad andare davvero forte. Così, quando ho visto il progetto Ktm, ho deciso di accettare per non avere rimpianti”. Una scommessa vinta, anche se gli inizi sono stati complicati: “Sono arrivato ultimo nella nostra prima gara, ma quando sono tornato ai box erano tutti felici perché avevamo finito il GP. Pensate da dove siamo partiti…”.

Fonte: https://www.gazzetta.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Di Moto Club Biassono

Moto Club Biassono

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *