0 0
Read Time:2 Minute, 17 Second

Valentino sulla sanzione al turco che ha rischiato una strage in Moto3 a Austin: “Quelli pericolosi sono sempre i soliti. Dare la bandiera rossa è stato un errore, hanno trasformato la gara in una roulette russa”

Per Deniz Oncu le parole di Valentino Rossi peseranno, e tanto. Perché il nove volte campione del mondo è stato durissimo nel commentare l’incidente di Moto3 innescato dal turco, che ha rischiato di uccidere tre piloti, uno dei quali Andrea Migno, membro della VR46 Academy. Valentino ha definito “giusta ma minima” la punizione di due gare per Oncu, e ha bacchettato anche la Direzione Gara per alcune decisioni.

rossi e la penalità a oncu

—  

Al di là della gara — “durissima per il caldo e le buche in pista” — Rossi si è soffermato in conferenza stampa da Austin soprattutto sull’incidente in Moto3. E ha spiegato: “Due gare di stop per Oncu sono una punizione giusta, anzi era il minimo che si poteva fare perché la situazione è fuori controllo, non si può non prendere provvedimenti. Oncu si sposta in rettilineo sulla sinistra, e in quel momento è consapevole di quello che può succedere, sa che ha un avversario di fianco, e la manovra è ancora più grave perché l’incidente era potenzialmente mortale, Migno, Alcoba e Acosta sono stati fortunati”. Poi Vale rincara la dose: “Questi ragazzi non devono correre, punto. Certi giovani esagerano, il loro comportamento in pista è troppo pericoloso, devi rispettare la tua vita e quella degli altri. Non si gioca con le vite altrui. Gli insegnano a essere sempre aggressivi, ma così non va bene”, sottolinea Rossi. Che aggiunge: “Adesso Oncu sta a casa due gare e va bene così, perché se un pilota sta fuori due corse e guarda le gare alla tv poi vedrete che certi comportamenti non li usa più”.

rossi e la direzione gara

—  

Ma per Valentino gli errori non finiscono con Oncu, perché il Dottore spiega anche il suo parere sulla gestione della gara: “È stato un errore far ripartire la gara dopo l’incidente di Salac, dopo la prima bandiera rossa. Già le gare di Moto3 sono pericolose, fare ripartire la corsa per soli 5 giri l’ha trasformata in una roulette russa, e non va bene. Dovevano spostare velocemente Salac e non dare la prima bandiera rossa, perché davvero ci sono piloti fuori controllo. Poi, un’altra cosa: quelli pericolosi alla fine sono sempre gli stessi, per cui i commissari li conoscono bene. Quindi dico: adesso gli dai due gare, e se magari uno lo rifa se ne prende cinque, e così via. È l’unico modo per evitare certe situazioni”.

Fonte: https://www.gazzetta.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Di Moto Club Biassono

Moto Club Biassono

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *