0 0
Read Time:2 Minute, 0 Second

Con il miglior tempo anche nell’ultima prova speciale, Alessandro Botturi si aggiudica la prima posizione nella classifica assoluta. La giornata conclusiva ha visto i piloti impegnati per oltre 300 km, da Arborea a Porto Torres

Si conclude sulle spiagge di Porto Torres l’edizione 2021 del Deus Swank Rally di Sardegna. Un’edizione che ha visto l’elenco iscritti raddoppiare in numero rispetto al 2020, con un forte incremento dei piloti stranieri, accorsi da ogni dove per vivere un’esperienza e un’avventura unica nel suo genere. Nella giornata conclusiva i piloti hanno affrontato un percorso di oltre 300 km, con partenza da Arborea (OR) e arrivo, appunto, a Porto Torres, costeggiando il nord-ovest dell’isola, sempre capace di regalare scenari mozzafiato.

Botturi: “Una gara affascinante”

—  

Quella di Alessandro Botturi (Yamaha Ténéré 700) è una vittoria non scontata ma poco ci manca. “L’importante era esserci – ci racconta a tappa conclusa – lo Swank è un evento fisso nel mio calendario perché è una gara magnifica. Vedi tanta passione, vengono persone che vanno poco in moto ma che si prendono del tempo per fare questa gara. E questo è un aspetto che mi affascina, perché ho sì la fortuna di correre per lavoro, ma in primis sono io stesso un appassionato di moto e gare. Quando vedo le loro facce soddisfatte al traguardo mi emoziono. Spesso prima o dopo una prova speciale, piuttosto che la sera, mi chiedono consigli o mi raccontano cosa e dove hanno sbagliato, allora io cerco di aiutarli e dargli dei riferimenti”. E sono cose che per chi è cresciuto con il mito della generazione-Botturi si apprezzano.

La prima di Salvini

—  

Tornando alla gara, Botturi vince anche l’ultima prova speciale, concludendo la gara con un tempo complessivo di 49’35”. A 5’46” il francese Loic Chetout (Ktm 350 Exc-F), mentre Ottavio Missoni (Honda XL600R) chiude in terza posizione e primo delle moto pre 31/12/1999 a 6’17” dal vincitore. Sesta posizione finale per Marco Aurelio Fontana (Honda Crf 250 Rx), mentre è stata un’ottima prima volta, con tempi in linea con i primi se non addirittura migliori (ma non in classifica ufficiale in quanto iscritto alla categoria Experience), per il 14 volte campione italiano di enduro Alex Salvini (Honda Crf 450 Rx). Che sia l’inizio di un futuro nei motorally?

Fonte: https://www.gazzetta.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Di Moto Club Biassono

Moto Club Biassono

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *