0 0
Read Time:3 Minute, 44 Second

Il 9 volte Campione del Mondo, che corre in Ktm ed è in lotta per il titolo 2021, concluderà la propria carriera a fine anno, dopo 93 GP vinti e 177 podi. “Preferisco chiudere con il motocross al top”

Il Motocross non sarà più lo stesso. Inutile fare tanti giri di parole, è così. Tony Cairoli, pilota Ktm, quel giovane e timido ragazzo venuto da Patti (Messina) ed esploso nel 2004, martedì 14 settembre 2021 ha annunciato il ritiro dalle corse: “È stata una decisione difficile da prendere, perché come sapete sono ancora competitivo per il titolo iridato, ma non voglio concludere la mia carriera lottando per la decima posizione. Preferisco chiudere la mia storia agonistica lasciando un bel ricordo e terminando la carriera al top”. Carriera che però potrebbe anche riservare la sorpresa finale perché il pilota Ktm è in piena lotta per il Mondiale 2021 visto che è a -29 da leader Tim Gajser (Honda). Poi ha sottolineato: “Sento che è arrivato il momento di dire stop, è tempo di cambiamenti: sento di non avere più il fuoco dentro in alcune situazioni. Le statistiche non sono mai contate per me, non le ho guardate neanche all’inizio. Non ho mai fatto caso ai GP vinti o ai Mondiali, nove o dieci non fa la differenza. Ho sempre dato il 100% in pista. All’inizio col 350 credevo di faticare, ma grazie a una seconda marcia molto lunga riuscivo a curvare tra i primissimi se non a centrare l’holeshot”.

la ktm su cairoli

—  

“Quando abbiamo iniziato l’avventura con Tony – raccontano il Ceo di Ktm, Stefan Pierer, e il direttore degli sport motoristici Pit Beirer – abbiamo deciso di correre con la 350 andando ad affrontare i 450. È stata una mossa azzeccata, perché univa la leggerezza del 250 all’esplosività del 450”. Meno stancante e aggressiva della cilindrata piena, Tony ha “lanciato una moda”, scrivendo anche sotto questo punto di vista la storia del Motocross. “Tony ha avuto una carriera straordinaria, è stato un pilota consistente, continuo, e vittoria dopo vittoria ha costruito il suo successo. Ma Tony non è solo stato un pilota fuori dall’ordinario: è anche la miglior persona che si possa incontrare nel paddock. E con la moglie Jill ha creato una coppia perfetta”, prosegue Beirer. E ancora: “Dev’essere difficile dire basta a ciò che ami, tanto più farlo quando sei ancora competitivo per il titolo. Tutti vogliono ancora vederlo in gara, ma è un campione incredibile, l’ultima vittoria di GP risale a poco fa e non mancherà molto alla prossima. Termina da Campione, lo ricorderemo per come finisce, perché finisce al top. Siamo felici per la sua decisione, la rispettiamo appieno”.

lo scopritore di cairoli

—  

Commoventi le parole di Claudio De Carli, team manager Red Bull Ktm Factory, che ha creduto in lui sin dal primo momento: “L’ho visto andare in moto un paio di volte e ho avuto l’intuizione della vita. Quel ragazzo riservato che non era ancora pilota fatto e finito, nascondeva doti incredibili. Gli ho dato un’opportunità, lo affiancai a Federici. E adesso lo vorrebbero tutti nel proprio team. Abbiamo fatto un percorso lungo 18 anni e sono fiero d’averlo fatto assieme: Tony è unico e irripetibile come pilota e come persona. Per me è stato facile, perché ho messo il mio impegno e lui ha solo eseguito tutto alla perfezione. Una volta trovato il meccanismo, tutto è poi sempre andato nel migliore dei modi. Come ha fatto a vincere almeno un GP all’anno per 18 anni di fila? Ha spinto solo quando era necessario farlo, si è sempre tenuto un margine, una cosa che altri piloti non hanno mai capito”.

la carriera di cairoli

—  

Tony Cairoli è la storia del Motocross: ha vinto 9 titoli iridati (due in MX2, cinque in MX1 e due in MXGP), è salito sul podio ben 177 volte vincendo un Gran Premio in 93 occasioni. Col team De Carli ha creato un binomio unico che ha proiettato entrambi nell’olimpo di questa disciplina. Ha vinto col 250, ha vinto col 450 e ha vinto con il 350 quando nessuno credeva potesse essere competitivo. Merito di una guida sublime che l’ha portato a imparare tanto e adattarsi a nuove moto, nuove cilindrate, nuove piste, nuovi avversari, nuovi regolamenti. Il più forte di tutti i tempi dice stop.

Fonte: https://www.gazzetta.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
100 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Di Moto Club Biassono

Moto Club Biassono

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *