0 0
Read Time:1 Minute, 50 Second

La Dorna ha ufficializzato alle 12.06 del 30 maggio la morte del 19enne Jason Dupasquier, pilota di Moto3 vittima di un incidente durante la Q1 al Mugello. Portato all’ospedale Careggi dopo la caduta, era stato operato nella notte ma le sue condizioni erano apparse subito disperate

Jason Dupasquier ha perso la sua disperata battaglia. Il 19enne svizzero, pilota al secondo anno di Moto3 con il team Prüstel e moto Ktm, è morto nella tarda mattinata del 30 maggio all’ospedale Careggi di Firenze, dove era stato ricoverato sabato 29 dopo un incidente durante la Q1 al Mugello, dove nel weekend si disputa il GP Italia.

la dinamica

—  

Dupasquier era arrivato all’ospedale fiorentino in condizioni molto gravi, con seri traumi alla testa, al torace e all’addome. Dopo la caduta tra la curva 9 e la curva 10 al Mugello, lo svizzero era stato colpito prima dalla sua moto fuori controllo e poi da altri piloti, probabilmente dal giapponese Sasaki e sicuramente dallo spagnolo Alcoba, che poi in tv aveva confermato che “sì, l’ho preso alle gambe”. Soccorso in pista, i medici gli avevano praticato un drenaggio per stabilizzarne le condizioni apparse subito gravissime. Trasportato in elicottero al Careggi, era stato sottoposto a una tac completa che aveva evidenziato traumi definiti “importanti” dai medici, al cranio, all’addome e al torace.

intervento disperato

—  

Dopo gli esami, i medici avevano deciso di aspettare prima dell’intervento, per non sottoporre Dupasquier, già in condizioni serissime, a un ulteriore stress fisico. Nel corso della notte tra sabato e domenica, però, il peggiorare delle condizioni aveva convinto i dottori a procedere d’urgenza: intervento al torace per cercare di stabilizzarlo. In mattinata però la situazione è definitivamente precipitata e Dupasquier è stato dichiarato morto dai medici. È stata poi la Dorna a ufficializzare la notizia.

in crescita

—  

Jason Dupasquier, figlio di Philippe ex pilota di motocross, era alla seconda stagione nel motomondiale con la Ktm: dopo una prima stagione difficile, nel 2021 aveva mostrato notevoli segnali di crescita, con alcuni piazzamenti nella top ten in Moto3. Poi il maledetto incidente del Mugello.

Fonte: https://www.gazzetta.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Di Moto Club Biassono

Moto Club Biassono

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *