0 0
Read Time:2 Minute, 6 Second

Nel corso di una riunione tenutasi lunedì 10 maggio, la Grand Prix Commission ha approvato alcune modifiche al regolamento della Moto2: MV Agusta e Nts potranno adottare le specifiche 2020 (adesso usavano le 2019); più test per tutte le squadre e omologazione di alcune parti per il 2022

Nella giornata di lunedì 10 maggio la Gran Prix Commission del Motomondiale formata da Carmelo Ezpeleta (Dorna), Paul Duparc (Fim) e Hervé Poncharal (Irta) si è riunita per deliberare su alcune modifiche da apportare al regolamento della Moto2. All’ordine del giorno c’erano questioni tecniche, come le concessioni ad alcuni team, e la possibilità per le squadre della middle class di effettuare un maggior numero di test privati.

sviluppi per MV E NTS

—  

Per prima cosa la Commissione ha approvato alcune concessioni tecniche di cui beneficeranno MV Agusta e Nts: a causa del congelamento delle specifiche di inizio 2020 questi due costruttori, che avevano preso parte al primo appuntamento dello scorso anno con moto in configurazione 2019, si ritrovano oggi a dover correre con mezzi vecchi di due anni. Una situazione che la Commissione ha voluto sanare consentendo alle due case di impiegare da subito alcuni componenti 2020 già disponibili: in particolare Nts potrà impiegare il parafango anteriore e la carenatura principale nuovi, mentre le tricilindriche varesine potranno montare anche sella e forcellone inediti.

RICHIESTE DI OMOLOGAZIONE

—  

In ottica di contenimento costi 2022 la Commissione ha inoltre deciso di sottoporre alcuni componenti a omologazione. Telaio, forcellone, carenatura e parafango potranno beneficiare di un solo upgrade ciascuno nel corso della stagione, per altro esclusivamente nel caso in cui la modifica comporti la sola rimozione di materiale. Il profilo generale inizialmente approvato non potrà dunque venire alterato e i cambiamenti dovranno ricevere il nulla osta del Direttore Tecnico, che godrà di piena discrezionalità nella valutazione. Ai costruttori che nelle precedenti due stagioni (2020-2021) non avranno conquistato nemmeno un podio sarà permesso di sostituire telaio, parafango o carenatura una volta in tutta la stagione.

PIÙ TEST PER TUTTI

—  

Infine la Gran Prix Commission ha anche deliberato, previa approvazione da parte di tutti i telaisti della Moto2, l’abolizione della regola che vietava loro di svolgere test con piloti non titolari. La regola rimarrà in vigore fino alla fine del 2021, dopodiché i costruttori potranno provare liberamente con i loro test rider. Per la stagione in corso è stata stabilita un’eccezione, con la concessione di due giornate di test privati a cui potranno prendere parte esclusivamente i collaudatori.

Fonte: https://www.gazzetta.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Di Moto Club Biassono

Moto Club Biassono

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *