0 0
Read Time:1 Minute, 27 Second

Alex Marquez, del team Honda Lcr di Lucio Cecchinello, ha aiutato i suoi meccanici fino alle prime ore della mattina dopo il deludente avvio di stagione nel doppio GP in Qatar (due ritiri)

Per il team di Lucio Cecchinello, quelle di Losail sono due gare da dimenticare. E non si può dire meno di Alex Marquez, rimasto a zero punti con due ritiri all’attivo. Insomma, non l’inizio del Mondiale che il 24enne spagnolo del team LCR voleva, come anche il suo compagno Takaaki Nakagami (ritiratosi nel primo GP, 17° nel secondo). C’è da migliorare l’adattamento a una RC213V che non ammette errori, con la caduta nella seconda gara avvenuta proprio quando il pilota di Cervera si stava riprendendo dopo un inizio difficile: “Ero partito più lento perché non avevo molto feeling con le gomme e volevo conservarle meglio per la seconda parte — ha detto lo spagnolo — Piano piano stavo raggiungendo Stefan Bradl e Pol Espargaro, poi sono scivolato”.

L’aiuto per smantellare il box LCR

—  

E così, per farsi perdonare, lo spagnolo non è rimasto a guardare, tanto che ha aiutato gli ingegneri del suo team fino alle prime ore del mattino: prima ha smantellato l’intero box Honda, poi ha dato una mano nell’imballare tutto il materiale per renderlo pronto alla spedizione verso il Portogallo, dove si scenderà in pista il 18 aprile e dove potrebbe tornare suo fratello Marc Marquez. Un gesto molto apprezzato, ripreso in due storie finite sul profilo ufficiale del team e su quello Twitter del direttore sportivo Óscar Haro, con il seguente messaggio: “Due volte Campione del Mondo, pilota ufficiale Honda Hrc e… aiutante per lo smantellamento del box”.

Fonte: https://www.gazzetta.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Di Moto Club Biassono

Moto Club Biassono

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *