0 0
Read Time:4 Minute, 7 Second

Lo spagnolo della Yamaha si impone sulle Desmosedici. Mir 4° perde il podio il volata; settima l’Aprilia di Aleix Espargaro, bravo Bastianini, decimo, male Valentino e Morbidelli (18°)

Via col vento. Maverick Vinales inizia con il piede giusto la sua stagione, imponendosi con maestria nel GP del Qatar della MotoGP. Lo spagnolo della Yamaha riallaccia il discorso con la vittoria, interrotto il 20 settembre con il successo nel GP dell’Emilia Romagna a Misano, e piega lo squadrone Ducati, battuto nella roccaforte dove era reduce da due trionfi di fila. Domando il forte vento che ha caratterizzato la gara, Maverick lucida la sua versione Top Gun, imponendosi davanti alle Desmosedici di Johann Zarco (Pramac), molto incisivo e pronto dopo il record di velocità (362,4 km/h) del giorno prima, e Francesco Bagnaia (Ducati ufficiale), che dopo essere partito dalla pole agguanta un podio nel rettilineo finale, strappandolo a un Joan Mir, che nei metri finali passa da 2° a 4° dopo una grande progressione con la Suzuki.

La Yamaha c’è

 

Vinales ha fatto sfogare le Ducati in avvio, poi ha trovato il suo passo, è risalito alla distanza passando il leader Bagnaia e costruendo nel misto un vantaggio che ha poi ben difeso sul rettilineo. In Casa Yamaha una bella risposta sulle potenzialità della M1 dopo aver raccolto poco l’anno scorso. Per Iwata anche il 5. posto di Fabio Quartararo, ma pure le prove anonime delle M1 del team Petronas.

Male Morbidelli e Vale

 

Franco Morbidelli ha chiuso solo 18° in preda a parecchi problemi; Valentino Rossi ha brillato più in qualifica che in gara, dove non ha avuto il passo per stare stabilmente nelle posizioni di testa e ha raccolto un misero 12° posto. A completare i dieci: 6. Alex Rins con una Suzuki comunque in forma; 7. Aleix Espargaro con un’Aprilia cresciuta e arrivata a 5″9 dal primo posto, distacco molto incoraggiante per le sue prospettive; 8. Pol Esapargaro con la prima delle Honda; 9. Jack Miller, uno dei grandi delusi di giornata; 10. Enea Bastianini, straordinario interprete della sua prima gara in MotoGP con un 10. posto di grande spessore.

La gara

 

Scelta unica di gomma, doppia soft per tutti e al via lo scatto premia subito le Ducati: al primo passaggio ce ne sono quattro a occupare le corrispondenti posizioni, con Bagnaia, Zarco, Miller e Martin nell’ordine. Qualche giro e Quartararo e Vinales iniziano a recuperare mentre Rossi è scavalcato anche dalle Suzuki e perde terreno. A metà gara Vinales è in impetuosa risalita: nel misto passa Zarco, si porta al secondo posto con un ritmo notevole, ma pagando dazio da Bagnaia, sul terreno della velocità pura, in rettilineo. In un secondo ci sono Bagnaia, Vinales, Zarco, Miller e Rins, mentre non perdono terreno l’Aprilia di Aleix Espargaro e la Honda del fratello Pol. Rossi, invece, arranca. A 8 giri dalla fine Vinlaes passa al comando e inizia fare l’andatura su Zarco e Bagnaia, mentre Rins e Mir si portano in zona podio. È il campione del mondo che firma il finale: confermando le doti di progressione che lo hanno resto iridato l’anno scorso con la Suzuki, lo spagnolo arriva fino al secondo posto in ingresso sul rettilineo finale. Dove però viene sverniciato dalle due Ducati, con Zarco secondo a precedere Bagnaia, terzo.

Gli altri

 

Danilo Petrucci inizia nel modo peggiore la sua avventura con la Ktm Tech3: caduta dopo poche curve in seguito a un contatto nel gruppo. La Casa di Mattighofen però non va oltre il 13. posto con Oliveira, davvero poco. La Honda, in attesa di riavere in sella il suo re Marc Marquez, registra le cadute di Takaaki Nakagami e di Alex Marquez, confermandosi moto non facile. Luca Marini ha terminato la sua prima gara in top class al 16. posto, davanti a Lecuona, Morbidelli e Savadori.

MotoGP 2021, GP Qatar: classifica gara
1. Vinales (Spa – Yamaha) – 42’28”663
2. Zarco (Fra – Ducati) – 1”092
3. Bagnaia (Ita – Ducati) – 1”129
4. Mir (Spa – Suzuki) – 1”222
5. Quartararo (Fra – Yamaha) – 3”030
6. Rins (Spa – Suzuki) – 3”357
7. A Espargaro (Spa – Aprilia) – 5”934
8. P Espargaro (Spa – Honda) – 5”990
9. Miller (Aus – Ducati) – 7”058
10. Bastianini (Ita – Ducati) – 9”288
11. Bradl (Ger – Honda) – 10”299
12. Rossi (Ita – Yamaha) – 10”742
13. Oliveira (Por – Ktm) – 11”457
14. Binder (Rsa – Ktm) – 14”100
15. Martin (Spa – Ducati) – 16”422
16. Marini (Ita – Ducati) – 20”916
17. Lecuona (Spa – Ktm) – 21”026
18. Morbidelli (Ita – Yamaha) – 23”892
19. Savadori (Ita – Aprilia) – 46”346

MotoGP 2021, GP Qatar: classifica generale
1. Maverick Vinales (Yamaha) – 25
2. Johann Zarco (Ducati) – 20
3. Francesco Bagnaia (Ducati) – 16
4. Joan Mir (Suzuki) – 13
5. Fabio Quartararo (Yamaha) – 11
6. Alex Rins (Suzuki) – 10
7. Aleix Espargaro (Aprilia) – 9
8. Pol Espargaro (Honda) – 8
9. Jack Miller (Ducati) – 7
10. Enea Bastianini (Ducati) – 6
11. Stefan Bradl (Honda) – 5
12. Valentino Rossi (Yamaha) – 4
13. Miguel Oliveira (Ktm) – 3
14. Brad Binder (Ktm) – 2
15. Jorge Martin (Ducati) – 1

Fonte: https://www.gazzetta.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Di Moto Club Biassono

Moto Club Biassono

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *