Indian FTR Carbon

Moto Club Biassono
Read Time:1 Minute, 19 Second

Realizzata sulla base della FTR 1200S, la nuova Carbon sfoggia un “vestito” in carbonio e accessori pregiati come lo scarico Akrapovic in titanio che le danno un fascino “racing” e permettono di risparmiare 2 kg di peso rispetto alla versione base. Ecco il video

Realizzata partendo dalla recente FTR 1200S, la casa americano ha presentato questa bella versione Carbon della sua maxi roadster che sfoggia carena faro anteriore, copertura del serbatoio, airbox, copricodino parreggero, e parafango anteriore in fibra di carbonio. Dal punto di vista tecnico la grande differenza è la presenza di un nuovo scarico Akrapovic in titanio nero e una bella placca identificativa sul serbatoio. Dal punto di vista tecnico la Carbon ricalca perfettamente la FTR 1200S: spinta dal poderoso bicilindrico a V di 1.203 cm3 raffreddato liquido, in grado di erogare una potenza di 123 CV a 8.250 giri/min, con una coppia massima di 115 Nm a 6.000 giri/min. A tenerlo a bada ci pensa l’elettronica, con controllo di trazione, antimpennata e controllo di stabilità più tre mappe motore (Sport, Standard e Rain). A livello sospensioni troviamo una forcella a steli rovesciati da 43 mm con 150 mm di escursione completamente regolabile. Di livello anche l’impianto frenante che prevede pinze con attacco radiale Brembo monoblocco M4.32. In virtù di tutte le modifiche effettuate, la Carbon diventa anche più leggera: 228 kg (-2 kg rispetto alla versione base). Il prezzo non è ancora stato comunicato, ma di sicuro la nuova Carbon arriverà anche in Europa.

Fonte: https://www.insella.it/

https://www.motoclubbiassono.it

0 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Poncharal: “La mia priorità ora è salvare il personale”

Nell’attesa di capire se e quando il campionato partirà, il presidente di IRTA Hervé Poncharal ha descritto tutte le difficoltà portate dal blocco delle attività sportive che mettono a rischio la sopravvivenza dei team Hervé Poncharal gestisce il team Tech3 da oltre tre decenni, di cui 19 anni trascorsi nella […]