Jonathan Rea, si apre la porta di Honda HRC?

Jonathan Rea, si apre la porta di Honda HRC?

Jonathan lo ha sempre detto: “In MotoGP solo con una moto competitiva”. E se quella moto fosse una Honda HRC?

Jonathan Rea lo ha sempre detto: “La MotoGP? Ci penserei solo con la certezza di una moto competitiva”. Nessuna smania, insomma, di passare a tutti i costi in Top Class: il nord-irlandese è al culmine della sua carriera, ha ‘ammazzato’ le ultime edizioni del Mondiale SBK e la sua priorità, più che correre con i prototipi, è quella di continuare a vincere.

Ma se arrivasse un’offerta di quelle che non si possono rifiutare? Se quella moto fosse, ad esempio, una Honda ufficiale come quella del Campione del Mondo in carica Marc Marquez? L’approccio di Johnny, probabilmente, cambierebbe radicalmente. E con esso anche gli equilibri della World Superbike.

Ad oggi, pare, un ipotetico passaggio di Rea nella Classe Regina non è solo roba da fantamercato: è una possibilità concreta. Stando a Corsedimoto.com, infatti, il team factory dell’Ala Dorata sarebbe seriamente interessato a offrire al britannico la sella della RC213V di Dani Pedrosa: questo spiegherebbe non solo il tardare di un rinnovo che ad un certo punto della stagione sembrava ormai scontato, ma anche la decisione da parte di Honda di non esercitare l’opzione su un Joan Mir che appare sempre più vicino alla Suzuki.

Sembra infatti che dopo alcuni colloqui preliminari portati avanti a Le Mans dal suo procuratore Chuck Aksland, Johnny sia pronto a volare al Mugello per discutere di una questione che si fa sempre più seria (e allettante): ad attenderlo in Toscana ci sarebbe infatti nientemeno che Alberto Puig, team manager del Repsol Honda Team.

La WSBK potrebbe realisticamente perdere il suo dominatore: il salto di categoria da parte del n°1 delle derivate sarebbe un vero e proprio scossone per la Superbike e per il suo mercato piloti, che vedrebbe “sulla piazza” l’ambitissima Ninja ZX-10R ufficiale. Tra l’altro, se l’accordo dovesse andare in porto, significherebbe che Rea correrebbe la prossima 8 Ore di Suzuka da separato in casa…

E Pedrosa? A 33 anni e in una forma non smagliante come ai vecchi tempi, non sarebbe una situazione facile per il fantino di Sabadell: le ‘selle buone’ della MotoGP sono quasi tutte occupate. Ma un Dani Pedrosa in SBK, magari proprio con Kawasaki, non sarebbe mica una brutta prospettiva… ammesso che Repsol dia il suo benestare alla sostituzione di quello che è stato, per 12 anni, il suo pupillo.

Via Motoblog.it

Foto credit: Motoblog.it

http://www.motoclubbiassono.it

Clicca qui per ricevere quotidianamente le nostre notizie via mail 

Clicca qui per ricevere in tempo reale quotidianamente le nostre notizie via Telegram 

Clicca qui per registrarti al nostro canale video

Lascia un commento